Trasferimento dall'Albania in Italia degli internati intellettuali indesiderabili

Data:

01-05-1942

Ente intestario:

Stato Maggiore Regio Esercito. Ufficio Prigionieri di Guerra

Autore:

senza firma

Qualifica:

Sottocapo di Stato Maggiore per la Difesa del Territorio

Destinatario:

Comando Supremo

Contenuto:

In riferimento alla richiesta avanzata dal Comando Superiore FF.AA. Albania, l'Ufficio prigionieri di guerra risponde di non avere un campo di concentramento per P.G. a disposizione per il trasferimento in Italia degli intellettuali albanesi indesiderabili di Preza e degli altri campi di concentramento albanesi.

Elenco e disponibilità di posti nei campi P.G. in Italia:

Campo n. 65 (Gravina di Puglia), si dichiara una capienza di 4.000 posti di cui al momento (maggio 1942) occupati 1.134 - il campo è da tenere disponibile per eventuali improvvise esigenze;

Campo n. 66 (Capua), 4000 posti (non si indica la disponibilità);

Campo n. 75 (Torre Tresca), 1000 posti di cui occupati 136

Campo n.89 (Gonars), 4000 posti, occupato da 2350 pg. rastrellati dalle provincie di Lubiana e della Dalmazia.

Si fa anche cenno ai campi in costruzione di Vetralla (4000 posti) e Viterbo (400 posti, ad Acquapendente).

Luoghi citati:

Preza - Campo di concentramento
Gravina - Campo per prigionieri di guerra n. 65
Capua - Campo per prigionieri di guerra n. 66
Gonars - Campo di concentramento
Torre Tresca - Campo per prigionieri di guerra n. 75
Vetralla - Campo per prigionieri di guerra n. 68
Acquapendente - Campo per prigionieri di guerra n. 10

Note:

Pubblicato su autorizzazione dello “Stato Maggiore dell'Esercito - Ufficio Storico", Prot. n. 3575 Cod. id. STOR2 Ind. cl. 12.7/2

© TpS Topografia per la Storia: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a TpS Topografia per la Storia dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza la nostra autorizzazione
Sostieni il progetto campifascisti.it