Cupari - Località di internamento

Kupari - Croazia
Tipo di campo
Località d'internamento da novembre 1942 a luglio 1943
Fonte: DVA15

 

Storia

Per numero di internati, la località di Kupari è, assieme a Lopud, la più grande tra quelle scelte dal VI Corpo d'Armata per internare gli ebrei della II zona in base a un ordine emanato dalla II Armata il 25 ottobre del 19421 (le altre due località sono Gravosa e Mlini).

 

Il primo giugno del 1943, risultano internati a Kupari 445 ebrei (di cui 5 definiti di razza ebraica ma di religione cattolica e uno di religione ortodossa), suddivisi in 193 uomini, 204 donne, 28 bambini e 20 bambine (vedi DVA39).

 

Si tratta di ebrei originari di Mostar e Ragusa (pochi di altre nazionalità), internati in un complesso alberghiero composto da quattro diversi edifici, requisito in precedenza e a disposizione del VI Corpo d'Armata (vedi DVA39).

 

L'ultimo internamento di ebrei a Kupari di cui abbiamo notizia, avviene con l'arrivo - il 4 giugno del 1943 - di 28 persone. L'elenco nominativo è contenuto in un documento in cui si specifica che si tratta di ebrei "discriminati" dal governo croato (cioè non sottoposti alle leggi razziali croate), e che provengono da Mostar (vedi DKU01).

 

Come avviene per tutti gli ebrei profughi internati nella II zona, anche quelli di Kupari vengono trasferiti al campo numero 2 di Rab a partire dal giugno/luglio del 1943.

 

Al momento non disponiamo di altre informazioni sull'internamento degli ebrei a Kupari.

 

 

1 Sull'internamento degli ebrei profughi rifugiati nella II zona vedi le note 1 e 2 della scheda di Gruž (Gravosa).


© TpS Topografia per la Storia: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a TpS Topografia per la Storia dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza la nostra autorizzazione
Sostieni il progetto campifascisti.it