Iseo - Località di internamento

Iseo (Brescia) - Italia
Tipo di campo
Località d'internamento 19/07/1942 11/02/1943
Fonte: DFA02 AC00370

 

Storia

APPUNTI PER LA SCHEDA

 

Tra il luglio del 1942 e il febbraio del 1943, nel comune di Iseo in provincia di Brescia sono internate 8 persone.

 

I loro nomi ci sono noti grazie a un documento del marzo 1943 (vedi AC00357).

1. Milka Kleiner, nata a Gabar (?) il 26/11/1882

2. Irene Muhvic, figlia nubile, nata a Plesce il 13/3/1914, commerciante

3. Dinka Juranic, nipote, nata Bescanova il 21/2/1918

4. Bozena Juranic, nipote, nata a Bescanova il 12/9/1923

5. Maria Grcevic (internata isolata, cioè senza famiglia), nata a Fiume il 11/3/1913, insegnante

6. Andrea Ban, nato a Potkum (Podhum?) nel dicembre del 1871

7. Caterina Vidas, moglie, nata a Hreljin nel luglio del 1876

8. Luigi Stefan (internato isolato), nato a Dumvo Cosbun il 16/4/1925

 

Non sappiamo con precisione la data del loro internamento nel comune di Iseo. Probabilmente sono giunti in provincia di Brescia nell'estate del 1942, assieme a molti altri civili deportati in Italia in quel periodo (vedi una relazione sugli internati in provincia di Brescia in AC00354 e l'elenco di tutte le località di internamento della provincia).

 

Grazie a una lettera, abbiamo qualche informazione aggiuntiva sul conto delle due sorelle Juranic, Dinka e Bozena. Il padre, Vincenzo Juranic, invia una missiva al II Corpo d'Armata di stanza a Sussa (Fiume) in cui, nel chiedere la liberazione delle figlie, ne ripercorre la storia che le ha portate all'internamento. Sappiamo così che dovrebbero essere giunte ad Iseo (Villa Fontanella?) verso la fine di luglio del 1942, dopo essere state arrestate, senza alcun motivo, nella città di Krizelj (comune di Brod na Kupi). Inoltre, il padre fa presente che appartenendo tutti al comune di Besca, sono italiani di anessione (vedi DFA02).

 

Di un altro internato, Luigi Stefan, abbiamo qualche notizia perché il 25 gennaio si allontana da Iseo senza permesso (vedi AC00369). Un mese dopo, un'altra lettera ci informa che Luigi Stefan era giunto ad Iseo proveniente dalle carceri giudiziare di Capodistria (vedia AC00370). Da questa seconda missiva si intuisce però che la fuga  di Stefan non è durata a lungo.

 

Infatti, assieme a tutti gli altri internati di Iseo, anche Stefan è trasferito - su ordine del Ministero dell'Interno (vedi AC00249) - al campo di concentramento Le Fraschette di Alatri esattamente l'11 febbraio del 1943 (vedi di nuovo AC00370 ed elenco nominativo in AC00357).

 

Anche dopo la partenza degli 8 internati di Iseo per il campo di concentramento Le Fraschette continueranno ad arrivare richieste di liberazione. Ad esempio per le sorelle Juranic (il 3 aprile del 1943 vedi DFA04), ma anche per Maria Grcevic, l'insegnante nata a Fiume nel 1913. Infatti troviamo il suo nome (è il numero 15 dell'elenco B) in un lungo elenco di jugoslavi internati in Italia di cui la Legazione di Croazia (in base a un accordo con l'Italia, vedi P055) ha chiesto la liberazione (vedi DVA11).


note

La nostra ricerca sulle località di internamento è ancora in corso (2013)


 
Risorse
Documenti

Documenti

Documenti

Testimonianze

Documenti

Bibliografia

Provvedimenti

Disposizioni

Links

Links

© TpS Topografia per la Storia: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a TpS Topografia per la Storia dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza la nostra autorizzazione
Sostieni il progetto campifascisti.it