Belluno - Carcere

Belluno (Belluno) - Italia
Tipo di campo
Carcere
Fonte: AC00234

 

Storia

APPUNTI PER LA SCHEDA

 

Nel giugno e luglio del 1943 è documentata la presenza di almeno due donne nel carcere di Belluno. Entrambe provengono - per l'eccessivo affollamento - delle carceri di Fiume (Rjieka) (quelle giudiziarie o altre?) (vedi AC00234 e AC00236).

 

Si tratta di Ljubimira Rodica, nata a Fiume il 7 dicembre 1917, e Maria Koritnik (di cui si ignora l'età e il luogo di nascita). Entrambe però sembrano essere a disposizione dell'Ispettorato Speciale di Pubblica Sicurezza della Venezia Giulia.

 

Infatti, i documenti sono firmati dall'ispettore Giuseppe Gueli, ed è proprio lui a ordinare l'8 giugno e il 23 luglio ai carabinieri di Belluno la traduzione delle due donne presso il campo di concentamento delle Fraschette di Alatri, da diversi mesi diventato il luogo dove l'Ispettorato invia le donne della Venezia Giulia.

 

Al momento non disponiamo di altre notizie su questo luogo di detenzione.


note

La nostra ricerca sulle carceri durante il fascismo è acnora in corso (2013)


 
Risorse
Documenti

Documenti

Documenti

Testimonianze

Documenti

Bibliografia

Provvedimenti

Disposizioni

Links

Links

© TpS Topografia per la Storia: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a TpS Topografia per la Storia dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza la nostra autorizzazione
Sostieni il progetto campifascisti.it